Calendario dei compositori – giorno 2

2 gennaio: Milij Balakirev (1837-1910)


Milij Aleksejevič Balakirev (Милий Алексеевич Бала́кирев)

MILIJ BALAKIREV nacque il 2 gennaio 1837 a Nižnij Novgorod, importante città sul Volga. Ottimo pianista, direttore d’orchestra e compositore autodidatta, entrò nel 1855 in contatto con Michail Glinka e ne sviluppò la visione di una musica nazionale russa, arrivando a fondare nel 1862 il Gruppo dei Cinque insieme a César Cui, Nikolaj Rimsky-Korsakov, Modest Musorgskij, e Alexander Borodin. Balakirev era l’unico del gruppo ad avere una formazione musicale, inizialmente assunse un ruolo da mentore, ma ne fu spodestato quasi subito. Specializzato in atmosfere brumose e grande rappresentante dell’orientalismo musicale, Balakirev sembra aver sofferto di una ricorrente sfiducia in se stesso, che lo portò a lasciare incompiuti una quantità di lavori, o a completarli talvolta dopo vent’anni, o addirittura, tra il 1873 e il 1876, ad abbandonare completamente la musica per diventare un impiegato delle ferrovie. Un po’ mi somiglia…

Milij Balakirev: Tamara, poema sinfonico (1882)

@ incontrario motu

Il poema sinfonico Tamara si basa sull’omonimo poema di Michail Lermontov a cui si è ispirata anche l’opera Il Demone di Arthur Rubinstejn. Cominciato nel 1867 ma terminato solo nel 1882, è considerato una delle vette dell’orientalismo musicale e un immediato predecessore della Schéhérezade di Rimsky-Korsakov (1888). La diabolica principessa Tamara vive in una torre solitaria sopra la gola di Darial, attraverso la quale scorre il fiume Terek. Un lume attira di notte i viaggiatori, che dopo una notte di piaceri vengono uccisi e gettati nell’abisso.

Balakirev – Cimitero Tuchvin, San Pietroburgo